Tunisia: nuova meta per i pensionati di tutto il mondo

C’è un nuovo paese tra le mete dei pensionati di tutto il mondo. E’ la Tunisia. Il paese del Mediterraneo sta conoscendo, in mezzo ai tanti problemi, anche qualche risalita. Si sta cercando, infatti, di attrarre più turismo e persone che potrebbero viverci stabilmente.

Tunisi (foto di Sebastiano Depperu)

E’ il caso dei pensionati. Anche molti italiano ci hanno già pensato o ci stanno facendo un pensierino. Per loro le tasse sono mini. Insomma, il buen retiro dall’altra parte del Mediterraneo non è poi più un miraggio. Si va fuori Europa, certamente. Le nuove leggi economiche del Paese del Magreb, infatti, prevedono l’esenzione da tassazione dell’80% del reddito da pensione estera. La tassazione locale, quindi, viene applicata solo sul 20% dell’importo lordo.

Una spiaggia di Hammamet

Italiani in Tunisia

La città di Hammamet vede la presenza di una comunità di oltre di 4 mila pensionati del Belpaese. La città ha tante frecce nel suo arco per attirare i pensionati: clima mite-tipico africano e costo della vita basso, decisamente al di sotto di quello italiano (circa la metà).

Per trasferirsi in Tunisia e chiedere la residenza bisogna soddisfare alcuni requisiti:

  • avere un contratto di affitto di almeno 12 mesi o più;
  • aprire un conto corrente bancario in un’istituto di credito del Paese;
  • iscriversi all’A.I.R.E. (Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero);
  • permesso di soggiorno in quanto la Tunisia non è un paese europeo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
RSS
Instagram