Il Teatro dell’Opera di Damasco celebra il musicista siriano Nouri Iskandar

A due mesi dalla sua morte, il teatro dell’Opera di Damasco ricorda il genio creativo del musicista siriano Nouri Iskandar.

Foto di Teatro dell’Opera di Damasco

Documentare e registrare il patrimonio musicale siriaco e comporre musica contemporanea che mescola classica e orientale. È stato il leitmotiv del progetto musicale e di vita del ricercatore, compositore e musicista siriano, divenuto un’importante eredità musicale per tutto il Paese.

Foto di Teatro dell’Opera di Damasco

A quasi due mesi dalla sua scomparsa, il Teatro dell’Opera di Damasco ha deciso di celebra il grande musicista lo scorso 6 febbraio con un concerto musicale. E’ stato un successo che ha ripercorso le sue opere più importanti, eseguite dall’orchestra Sinfonica Nazionale Siriana, guidata dal Maestro Missak Baghboudarian, e che ha visto la partecipazione del coro dell’Istituto Superiore di Musica, il Coro da Camera e il coro di AlFarah.

Foto di Teatro dell’Opera di Damasco

Nuri Iskandar, soprannominato “Malfono” (“Maestro” in lingua siriaca), rappresenta uno stato spirituale distintivo che raccoglie il pensiero sufi in Siria attraverso l’opera “Dialogo d’amore”, basata su diverse canzoni siriache trasformate in conosciutissime melodie popolari che collegano l’uomo al suo creatore, elevando l’anima attraverso la musica, fino a raggiungere l’alto concetto della pace. 

Foto di Teatro dell’Opera di Damasco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
RSS
Instagram