Fès (Marocco): le quattro cose da non perdere

E’ sicuramente tra le maggiori città del Marocco e la più antica delle quattro imperiali. Si tratta di Fès, una perla del paese magrebino. Una città che si può visitare in tre giorni, una città ricca di prestigio grazie alla sua storia secolare, alla sua antica università e luoghi d’arte. 

Uno scorcio del mercato (foto di Massimiliano Franciosi)

Noi di Arabescmagazine vogliamo consigliarvi le quattro cose da visitare nella città capoluogo della regione di Fès-Meknès. Lo faremo grazie ai consigli (e alle foto) di viaggiatori italiani che ci sono stati di recente e l’hanno visitata in due giorni.

Una delle vie della Medina (foto di Massimiliano Franciosi)

Le quattro cose più belle da vedere a Fès sono la Moschea e l’università di Al Qarawiyyin, il Dar Batha, la Conceria Chouara e la Medersa Bou Inania.

  1. La Moschea e l’università di Al Qarawiyyin

E’ la Moschea più importante della città. E’ stata fondata nell’857 da Fāṭima, figlia di Muḥammad al-Fihrī, espatriato da Qayarwan. In origine era molto piccola ma è stata ampliata tra il 1135 e il 1144. La Moschea è anche sede della più antica università islamica, con una biblioteca di antichi testi coranici. Per importanza è la seconda per prestigio, assieme alla Zaytuna di Tunisi, solo ad Al-Azhar del Cairo.

2. Il Dar Batha

E’ il museo più famoso di Fès. E’ situato nella medina ed era un ex palazzo trasformato in museo nel 1915. Ospita un’importante collezione di manufatti tradizionali. All’ingresso dell’edificio si trova un grande giardino in stile andaluso, con diversi tipi di piante, mosaici e una fontana.

Dar Batha (foto di Massimiliano Franciosi)

3. Conceria di Chouara

A Fès sono presenti quattro importanti concerie. La più grande imperdibile è quella di Chouara. La struttura è sta restaurata di recente grazia a un progetto di miglioramento della Medina, voluto dal Re Mohammed VI che ha stanziato svariati miliardi di euro: un piano quinquennale per la rinascita di 27 monumenti, 4 caravanserragli e concerie.

4. Medersa Bou Inania

La Madrasa Bou Inania è una madrasa (istituto di educazione), fondata tra il 1351eil 1356 da Abu Inan Faris. Lo stesso fondò anche la Madrasa Bou Inania di Meknès. È riconosciuta come un eccelso esempio di architettura merinide.

La Madras (foto di Massimiliano Franciosi)
Uno scorcio di Fès (foto di Massimiliano Franciosi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
RSS
Instagram