Egitto: risorge la cittadella del Saladino

Che l’Egitto stia investendo milioni di sterline egizie per accrescere il richiamo turistico è un fatto dichiarato da tempo dalle autorità del paese dei Faraoni. Che lo faccia in tempi rapidi è una novità. E’ notizia di qualche giorno fa, infatti, è stata riportata all’antico splendore parte della Cittadella del Cairo, cuore medioevale della capitale egiziana e patrimonio dell’Unesco. La Cittadella di Saladino sarà restaurata e valorizzata grazie a un investimento pubblico da 300 milioni di sterline egiziane (circa 10 milioni di euro), che si aggiungeranno ad investimenti privati. Due torri dell’imponente fortezza che Salah-al-Dinal Ayyuby (Saladino) cominciò a costruire nel 1176, e sede dei governi fino all’800 sono già state restaurate e sono state inaugurate -nei giorni scorsi – con i fondi del Ministro del Turismo e dell’Archeologia, guidato da Ahmed Issy.

Il Cairo, la Cittadella di Saladino

Ad accompagnare il ministro, durante la cerimonia di inaugurazione, c’era il segretario generale del Consiglio supremo per l’Archeologia, Mustafa Waziri. Lo stesso segretario ci ha tenuto a specificare che l’opera faccia parte di un progetto più vasto per l’area. Il progetto si chiama “Grande Cairo” e mira a fare della capitale egiziana non solo una tappa di passaggio per i turisti attratti da Luxor o da Sharm el Sheik, ma anche luogo in cui sostare o meta scelta apposta per un viaggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
RSS
Instagram