A Damasco, concerto sulle note degli archi al teatro dell’opera

Storie di fantasia e romantiche favole narrate dagli strumenti a corda dell’Orchestra Sinfonica Nazionale Siriana, guidata dal Maestro Misak Baghboudrian: ritmi di musica danzanti e una miscela gioia e magia, in una serata intitolata “Danze per archi” ospitata, lo scorso 4 giugno, al Teatro dell’Opera di Damasco.

In un’atmosfera danzante la serata è iniziata con un brano orientale, “Lunga” del compositore siriano Wanis Wartanian, arrangiato da Muhammad Othman. A ritmo di valzer, l’orchestra ha scelto uno dei movimenti dell’opera “Serenade for Strings”, ispirata alla musica boema del compositore ceco Antonín Dvořák. Poi, tanta musica dal mondo.

La musica russa era presente con i compositori Nikolai Myaskovsky e Pyotr Ilyich Tchaikovsky, con il secondo movimento della “Sinfonietta per archi” e un valzer dalla “Serenata per archi”. Subito dopo, sono state eseguite le “Danze rumene” del compositore ungherese Béla Bartók che ha utilizzato il maqam orientale Hijaz. Sul palco, anche le musiche di la “Danza del cigno” dal “Carnevale degli animali” del francese Cami Saint-Saens, con un assolo del violoncellista Muhammad Namik.

Dalla serie di Pierre Ghent dell’autore norvegese Edward Grieg l’orchestra ha eseguito “Anitra’s Dance”, basata su una storia immaginaria di una ragazza marocchina. La conclusione della serata è stata affidata agli archi. I musicisti hanno eseguito così una selezione di danze tratte da “Miniature armene” del compositore Comidas.

Il direttore dell’orchestra sinfonica e del Teatro dell’opera di Damasco, il Maestro Misak Baghboudrian, ha sottolineato la scelta dell’orchestra di introdurre al pubblico un ritmo danzante con i colori degli archi, e l’importanza dell’equilibrio sonoro tra gli strumenti, in termini di proporzione del numero degli esecutori. Il tutto per creare un suono armonico, ottenuto attraverso sei primi violini, cinque violini secondi, quattro viole, oltre a tre violoncelli e due contrabbassi, accompagnati da un’arpa. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial