Le Dolomiti a Tunisi. Lorenzo Giusti alla Biennale Gherdëina

La data “X” per Lorenzo Giusti è il prossimo 30 gennaio. In quella data di aprirà la Biennale Gherdëina di cui è curatore. L’appuntamento è previsto, a partire dalle ore 17, negli spazi di La Boîte – Centre D’art Contemporain di Tunisi. Si tratta della nona edizione di una manifestazione che dal 2008 porta l’arte contemporanea internazionale nel contesto unico delle Dolomiti. Giusti, alla Approaching Biennale Gherdëina 9, sarà protagonista di una conversazione con Michael Höpfner (Krems/Donau – Austria, 1972) e Nadia Kaabi-Linke (Tunisi – Tunisia, 1978) – attualmente in mostra a La Boîte con Kaf W Kaaba Halwa –, due tra i numerosi artiste e artisti che saranno protagonisti della manifestazione. 

Lorenzo Giusti in una foto di Paolo Biava

Approaching Biennale Gherdëina 9 è il primo di una serie di incontri di avvicinamento a Biennale Gherdëina, kermesse organizzata dall’associazione Zënza Sëida che fino al 1° settembre 2024 si sposterà in diversi luoghi di Ortisei Urtijëi St. Ulrich, espandendosi anche nelle zone circostanti la Val Gardena Gherdëina Gröden.  La nona edizione di Biennale Gherdëina darà voce a un grande ventaglio artistico, rappresentativo di un’area culturale che travalica le Dolomiti e le connette con l’Europa continentale, il Nord Africa e il Medio Oriente.

In questa geografia diffusa The Parliament of Marmots affronterà i temi della natura incontaminata e del selvaggio come dimensione creativa, e del multispecismo come traiettoria del divenire. In questa prospettiva, la montagna, non più barriera ma valico, si rivela terreno di incontro per l’esperienza artistica e si apre a una dimensione narrativa. Sovrapponendo storie contemporanee e antiche leggende, Biennale Gherdëina 9 parlerà di trasformazioni e di contaminazione e, attraverso nuove produzioni, performance, mostre personali e collettive, collaborazioni con istituzioni regionali e laboratori aperti al pubblico, raccoglierà i contributi di artiste e artisti provenienti da diversi territori, radunando nel contesto della Val Gardena una comunità multiculturale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
RSS
Instagram