Egitto, aperta la tomba restaurata dello scriba di Amun Neferhotep a Luxor

Il turismo in Egitto vola, soprattutto dopo la Pandemia. Il Paese dei Faraoni ha un obiettivo ben chiaro: raddoppiare il numero dei turisti nel giro di cinque anni. Ovvero, passare dagli attuali 16milioni ai 30 nel 2029-2029. Quelli italiano sono 1 milione. Per questo motivo, si cerca di implementare le nuove attrazioni, oltre a quelle già collaudate e note ai viaggiatori di tutto il mondo. Di recente, secondo questa linea, L’Egitto ha aperto al pubblico la tomba restaurata dello scriba di Amun Neferhotep. E’ stata presentata come una nuova attrazione turistica di Luxor.

La tomba risale alla XVIII dinastia dal 1550 al 1292 a.C., più precisamente all’era del re Ay (1327 al 1323 a.C.). Per riportare la camera funeraria al suo antico splendore ci sono voluti 20 anni di lavoro. Neferhotep era uno degli statisti più anziani del suo tempo, con diversi titoli tra cui quello di scriba di Amon.

Nella tomba sono presenti tante iscrizioni che illustravano i cambiamenti nelle pratiche funerarie avvenuti dopo il periodo di cambiamento religioso di Amarna, che vide la capitale spostarsi dal nord dell’Egitto al sud. Contiene anche una statua del proprietario del cimitero e di sua moglie, Meritamun, che era la cantante del dio Amon.

Una decorazione della tomba di Neferhotep, scriba di Amon

Gli esperti dell’Università di Buenos Aires hanno registrato e studiato i testi nella tomba prima di iniziare il loro lavoro. I lavori di restauro effettivi sono iniziati nel 2013, quando una squadra archeologica tedesca ha ripulito le pitture murali della tomba e ha riparato la pietra danneggiata e gli strati di colore sulle iscrizioni. Poi, l’affidamento ai professionisti argentini. L’inaugurazione della tomba è stata fatta da Mostafa Waziry, segretario generale del Consiglio supremo delle antichità egiziane. I lavori di restauro sono stati affidati a un gruppo di archeologi argentini dell’Università di Buenos Aires e guidato da Violeta Pereyra. Alla cerimonia di apertura erano presenti anche l’inviato dell’Argentina al Cairo e altri rappresentanti del Paese sudamericano.

Leggi anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
RSS
Instagram